venerdì 10 aprile 2015

ETERNIT: VIA AL PROCESSO BIS

La Cassazione lo scorso 19 novembre dichiarò prescritto il reato di Stephen Schmidheiny patron dell'Eternit, ma la voglia di giustizia non si arresta e il pm di Torino Raffaele Guariniello, dopo aver chiuso le indagini vedrà l'inizio del processo Eternit bis.

Per il grande numero delle persone offese il tribunale di Torino ha scelto la strada dei "pubblici proclami", con un richiamo anche sulla Gazzetta Ufficiale, per la notifica dell'inizio dell'udienza preliminare del processo Eternit Bis. Il procedimento, del quale l'imprenditore svizzero Stephen Schmidheiny risponde di oltre 200 casi di omicidio, comincerà il 12 maggio.

Questa volta l'accusa è di omicidio e non disastro ambientale, reato per il quale la legislazione italiana ha ancora parecchie lacune, proprio su queste si è basato l'apparato difensivo.

Ora i cittadini di Casale, le associaizoni dei famigliari e la comunità tutta si prepara a questa nuova battaglia, una lotta che in verità non si è mai arrestata, con un unico scopo: ottenere giustizia

mercoledì 25 febbraio 2015

Eterna ingiustizia: depositate le motivazioni della Cassazione

CASALE – Dopo aver letto le motivazioni della Corte di Cassazione, per i familiari delle vittime è di nuovo tempo di confrontarsi con una dura realtà: “Dicevamo eterna ingiustizia, ora l'ennesima sottolineatura di un processo che ci ha tagliati fuori” commenta un famigliare.
Nel testo si leggono i motivi sulla decisione di annullare il processo perchè il reato di Stephan Schmidheiny è stato prescritto.

Le lacrime ormai sono finite da parte di chi ha perso i propri cari, e il sentimento provato è un misto di rabbia e delusione. “Non parlo di questa lotta, ma di quello che questa lotta mi ha insegnato, per la vita di ogni giorno, per il vivere quotidiano. L'unica lotta che si perde è quella che si abbandona” queste le parole di Giuliana Busto che racchiudono il senso profondo di tutta la cittadinanza casalese che ancora cercherà di trovare Giustizia nell'ambito di un nuovo prcoedimento.
Nel processo annullato dalla Cassazione sarebbe stato sbagliato il capo d'imputazione formulato dal procuratore aggiunto di Torino Raffaele Guariniello. Intanto perchè la condanna per quel tipo di reato, 12 anni di reclusione, sarebbe stata troppo bassa. E poi il duro affondo nei confronti del tribunale di appello che, si legge, “Ha confuso la permanenza del reato con la permanenza degli effetti del reato, la Corte di Appello ha inopinatamente aggiunto all’evento costitutivo del disastro eventi rispetto ad esso estranei ed ulteriori, quali quelli delle malattie e delle morti, costitutivi semmai di differenti delitti di lesioni e di omicidio“.
Subito dopo la deposizione del testo il pm Raffaele Guariniello ha annunciato di aver chiesto il rinvio a giudizio per Stephan Schmidheiny (il cosiddetto processo Eternit Bis). L’accusa è di omicidio volontario aggravato per la morte da amianto, tra il 1989 e il 2014, di 258 persone.

Una nuova strada per continuare la lotta dunque, perchè darsi per vinti non rientra negli aspetti di chi ha perso un famigliare per colpa del mostro Amianto.

sabato 14 febbraio 2015

Romana Blasotti Pavesi lascia la presidenza di AFEVA

E' il simbolo della lotta contro l'amianto, è la voce delle tante persone che chiedono giustizia nei confronti di quei potenti che hanno messo al primo posto il profitto rispetto alla salute degli operai dell'Eternit. Romana Blasotti Pavesi, 86 anni ha deciso di lasciare la presidenza dell'AFEVA, l'associazione famigliari e vittime dell'amianto.
Le ragioni di questa scelta sono legate principalmente all'ingiustizia della sentenza di terzo grado della cassazione, che nella serata maledetta del 19 novembre scorso ha di fatto evaporato ogni possibilità di vedere riconosciuto colpevole Stephan Schmidheiny per il reato di disastro ambientale permanente. Da quella sera la Romana (così viene riconosciuta da tutti) non è stata più la stessa: in tanti anni di lotta niente l'aveva fermata: non l'avevano fermata l'età, il dolore per la perdita di tanti famigliari tra cui il marito, neanche i viaggi per il mondo, realizzati per diffondere ed informare tutti che la lavorazione dell'amianto va bandita in tutto il pianeta. A fermarla ci ha pensato l'ingiustizia di quella sentenza:
«Come faccio - dice in un'intervista rilasciata alla Stampa- ad accettare che non c’è stata giustizia per le vittime? Che, per via della prescrizione, sono come “sparite”? Ma quei giudici sapevano bene che cosa è accaduto a Casale? La loro sentenza ci ha tagliato fuori». «Ci hanno tolto tutte le possibilità di vedere riconosciuto un colpevole della tragedia che c’è stata e che continua».
Giustizia, è sempre stata questa l'unica cosa che le interessava, chi la conosce e ha seguito con lei tutte le udienze del processo eternit aveva ascoltato diverse volte i suoi discorsi, in cui non riusciva nonostante tutto ad avere rancori verso i signori dell'amianto “Vogliamo giustizia non vendetta” diceva Romana.
La mancanza della carica di certo non la fermerà nella sua battaglia nell'informare il mondo, e siamo sicuri che il suo lavoro sarà portato avanti dall'AFEVA.
In cuor suo Romana adesso spera di poter vedere realizzata la collinetta della memoria, che dovrebbe sorgere sull'area dell'ex fabbrica Eternit, i cui lavori sono cominciati ma sono tuttora fermi. E, più di tutto, spera che le promesse avute da Renzi, Boldrini e Grasso sull’introduzione del reato di disastro ambientale nel Codice penale siano vere: «Vale per l’amianto e per tutti i veleni. Non si può morire per lavorare senza che poi nessuno venga punito!» afferma.
Romana non ricoprirà altre cariche ma rimarrà sempre la guida di questa lunga battaglia, il lavoro svolto da lei in tanti anni è una grossa eredità per tutti i casalesi e questo impegno non potrà andare perduto.

Di seguito il discorso d'addio di Romana, pubblicato dagli amici di Voci della Memoria e Casalenews:



martedì 27 gennaio 2015

27 gennaio: Giornata della Memoria

Sono passati 70 anni ma il ricordo della più grande tragedia della storia dell'umanità è ancora vivo. Durante gli anni del dominio nazi-fascista milioni di persone furono deportate e trucidate all'interno dei lager, campi di concentramento dislocati in tutta Europa. Donne, bambini, anziani sterminati soltanto perchè diversi da chi era al potere: una catastrofe, questa la traduzione del termine shoah dall'ebraico, che macchiò di sangue il secondo conflitto mondiale.



70 anni sono passati da quando i soldati sovietici varcarono i cancelli del campo di Auschwiz, liberando i prigionieri ridandogli non solo la libertà ma la dignità di esseri umani. Anni prima della liberazione le condizioni degli ebrei nell'Europa dominata da Hitler, erano sempre più limitate: si cominciò con il vietare alle famiglie di andare a scuola, lavorare, leggere il giornale, andare a teatro, fino agli obblighi di registrazione e gli internamenti nei campi di lavoro dove le famiglie venivano divise, svestite e spogliate di ogni avere. Le case dei commercianti ebrei diventavano così di proprietà di ufficiali nazisti che ne prendevano possesso ovviamente senza chiederlo.

"Quel che è accaduto ci riempie di grande vergogna. Perché sono stati i tedeschi ad essersi resi colpevoli di tanto dolore: non dobbiamo dimenticare che i molti milioni di vittime sono una nostra colpa". Lo ha detto la cancelliera Angela Merkel, partecipando con alcuni sopravvissuti a una commemorazione a Berlino per il 70mo della liberazione del campo di Auschwitz. "Abbiamo la responsabilità di comunicare quanto noto su quelle atrocità e di tenere viva la memoria", ha aggiunto.

La Giornata della memoria deve quindi servire alle generazioni future: i sopravvissuti alla tragedia della Shoah sono sempre di meno, ma il loro ricordo non morirà mai, a noi spetta il compito di raccogliere questa eredità e condannare ogni atrocità del passato per fare in modo di non ripeterlo in futuro.

giovedì 13 novembre 2014

Processo Eternit: mostra fotografica a Casale dal 15 al 28 novembre

Dagli amici di Voci della Memoria:

"Avvicinandoci giorno dopo giorno a mercoledì 19 novembre, giorno della sentenza in
Cassazione del Processo Eternit cominciato nel 2009, non possiamo non voltarci indietro e
ripensare a quei viaggi in pullman all'alba, a quelle ore interminabili dentro e fuori il
tribunale, alle speranze, le paure, chi c'è stato sin dal primo momento e chi non c'è più,
insomma, alla lotta popolare di una Comunità che è stato il Processo Eternit che ci ha fatto
arrivare dove siamo oggi.
Per questo motivo abbiamo deciso, supportati da il Labirinto e patrocinati dall'Afeva,
d'invitare a Casale Monferrato la fotografa Paola Zorzi e la sua intensissima personale
"Processo Eternit", che ci farà capire una volta di più quanto lunga è stata la strada che
abbiamo percorso e con le sue immagini ci ricorderà che, oltre che una vicenda giudiziaria,
questi cinque anni sono stati soprattutto una lotta popolare fatta di uomini e donne che
non si sono mai arresi".

MOSTRA FOTOGRAFICA PROCESSO ETERNIT DAL 15 AL 28 NOVEMBRE 2014 
Inaugurazione al pubblico sabato 15 novembre ore 18:00 con
Paola Zorzi – autrice e curatrice della mostra
Membri dell’Afeva (Associazione familiari e vittime dell’amianto)
Volontari di Voci della Memoria
Sede e orari:
Galleria della Libreria il Labirinto
Via Benvenuto Sangiorgio, 4 Casale Monferrato
LUN: 16.00 – 19.30
MAR-SAB: 09.00 – 12.30 16.00 – 19.30

Processo Eternit: l'ultima sentenza

CASALE – Mancano pochi giorni al verdetto finale sulla vicenda Eternit.
Dopo i risultati dei primi due gradi di giudizio che hanno sancito la pena di 18 anni di reclusione, per disastro ambientale doloso permanente e omissione dolosa di misure antinfortunistiche, a Stephan Schmidheiny, mercoledì 19 novembre la Corte di Cassazione metterà la parola fine a questo lungo percorso con il proprio verdetto.
Da Casale saranno in molti a partire verso Roma, dove dalle 8,30 verrà allestito un presidio davanti alla Corte al quale parteciperanno l’AFEVA e altre associazioni di familiari delle vittime provenienti da molti paesi come Francia, Belgio e Brasile, perché la vicenda Eternit non riguarda solo Casale Monferrato, ma tutto il mondo e purtroppo sono moltissimi gli stati in cui questa fibra-killer viene tutt’ora lavorata.
Il processo ha segnato una svolta sia a livello giuridico sia a livello umano, con migliaia di casi esaminati, testimonianze raccolte, il tutto sotto il continuo peso delle vittime che ogni anno continuano ad aggiungersi all’interminabile elenco dei cari che la città di Casale in modo particolare, continua a perdere (ogni anno circa 50 morti per mesotelioma).

Proprio in loro memoria e per evitare che questo numero continui ad aumentare si è cercato di fare Giustizia per denunciare a tutto il mondo che chi commercializzava l’amianto sapeva della sua cancerosità ma in nome del profitto ha ritenuto meno importante la salute dei propri operai, sacrificandola per i soldi. Casale non si è fatta però sconfiggere da questo nemico e su questo dolore ha costruito la propria forza, la forza di urlare a tutto il mondo che questa fibra uccide, che la vita di un operaio non ha prezzo e che in futuro nessun altro dovrà ammalarsi di mesotelioma. Oltre alla Giustizia le altre due strade da continuare a percorrere sono quelle della Bonifica e della Ricerca, in cui l’Italia è capofila rispetto agli altri paesi. Le aspettative verso mercoledì 19 novembre sono moltissime, la speranza è che venga riconosciuta Giustizia per tutte le vittime con una sentenza unica che rimbalzi in tutto il mondo, creando un precedente potente e importante. Il “signore dell’amianto” potrà anche nascondersi in qualche paese tropicale in cui non è concessa l’estradizione, ma se confermata la sua colpevolezza, si otterrà Giustizia per Paola, Giorgio, Franco, Italo, Salvina…
Christian Pravatà

mercoledì 7 maggio 2014

"Con le idee e il coraggio di Peppino noi lottiamo", Cinisi 9 maggio 2014

Il 9 maggio a Cinisi si svolgerà la commemorazione per l'anniversario dell'assassinio di Peppino Impastato.
I membri di "Casa Memoria Peppino e Felicia  Impastato" hanno organizzato una serie di eventi, questo l'appello e il programma:



"L'attuale momento è caratterizzato dall'attacco più deciso alle basi della Costituzione, onde arrivare al suo snaturamento, con la prospettiva di un regime presidenziale dove i principi della democrazia e della volontà popolare, anche quelli della sua espressione parlamentare, sono e saranno interamente cancellati da forme di decisionismo fascistoide. Tutto ciò ha anche il suo riscontro nel mondo economico, dal quale sono state cancellate le norme di tutela del posto di lavoro con l'incremento del precariato, dell'insicurezza del domani e con la cancellazione di qualsiasi forma di dignità che dovrebbe caratterizzare ogni soggetto umano. Il tutto con la metodica divaricazione della forbice tra il mondo dei ricchi e quello dei poveri, che sembra rinnovare la scala medioevale dei valori sociali con il ritorno di nuove e vecchie forme di schiavitù. Lo sfascio causato dal malgoverno del berlusconismo continua a distruggere esistenze, lavoro, tutela dei diritti, cultura e arte, oltre che cancellare i settori più importanti della produttività, dall'artigianato, all'agricoltura, al commercio, all'industria. In questa Italia di macerie, dove prolifica il parassitismo di tipo mafioso, Dell'Utri può permettersi la sua fuga all'estero, Berlusconi può beffare la giustizia con le sue buffonate ai vecchietti, Moretti può lamentarsi dei tagli al suo stipendio di 700.000 euro, Grillo può fare comizi a pagamento, Renzi vende fumi e sogni al costo di 80 euro per pochi sopravvissuti. Dappertutto spuntano spinte disgregatrici, in Italia con smanie di secessione, in Europa con attacchi a un'unità economica utile solo ai tedeschi, in Ucraina con fermenti separatisti, in Inghilterra con le tentazioni separatiste della Scozia, in Spagna con quelle dei Paesi Baschi. Pare che le grandi potenze si siano svegliate dal letargo pacifico e siano in preda di smanie e pruriti di guerra. Intanto non accenna a fermarsi il flusso di profughi e migranti che rischiano la vita in cerca di una nuova speranza. L'accoglienza che l'Italia riserva a questa gente in molti casi fa loro rimpiangere le condizioni di vita da cui è fuggita. Per non parlare delle condizioni delle carceri, delle strane morti, costantemente coperte da un velo di silenzio, o addirittura salutate da applausi agli assassini, delle cariche selvagge nei cortei, dello spadroneggiamento americano sul nostro territorio, dai Muos, ai droni, alla disponibilità delle basi militari, all'obbligo di acquisto di armamenti, aerei e navi, all'obbligo di partecipazione a missioni militari di cui non ce ne frega niente. Questo fascismo di ritorno accompagna drammaticamente la svendita delle briciole del già debole capitalismo italiano, senza che all'orizzonte spunti qualche proposta economica e politica su come salvare, gestire e riorganizzare il lavoro. Ricordare Peppino ha ancora un senso se ancora c'è voglia di credere nella rivoluzione come momento per costruire una società dove l'uguaglianza sia il principio fondamentale perché tutti possano sorridere. Abbiamo cercato di superare divisioni e difficoltà per costruire un programma comune. Vi invitiamo il 9 maggio al corteo (Terrasini-Cinisi, ore 17), nel il 36° anniversario dell'assassinio di Peppino Impastato, per continuare a lottare"con le idee e il coraggio di Peppino"

Programma

 9 maggio 1978-2014

36° Anniversario dell’assassinio di Peppino Impastato

INIZIATIVE

Il programma è stato concordato tra Casa Memoria e il Forum Sociale Antimafia.

8 maggio

Accoglienza presso Ex Casa Badalamenti - C.so Umberto, 183

Ore: 16.30  "Mafie e antimafia al Nord e al Sud".

I temi che verranno trattati sono:  "L'attività del Centro Impastato-Programmi in corso e il progetto del Memoriale della lotta alla mafia" con Umberto Santino  

"Le lotte per la casa a Palermo" con Nino Rocca

organizzato da Osservatorio Antimafie Monza e Brianza “Peppino Impastato”, Gap di Rimini, Stampoantimafioso di Milano e Centro Siciliano Documentazione Impastato

Ore: 18.30 Convegno Nazionale di “Avviso Pubblico - Amministratori sotto tiro”, presso Casa Badalamenti – C.so Umberto, 183 –

Ore: 20.00 Spettacolo teatrale di Alessio Di Modica “Ossa” .

Spettacolo- Racconto su Placido Rizzotto, sindacalista siciliano che animò il movimento di occupazione delle terre a Corleone dando vita alla prima forma di antimafia sociale.

Ore: 22.00  Esibizione gruppi musicali locali davanti Ex Casa Badalamenti.

9 maggio

Ore: 09.30 - Contrada Feudo  Visita al casolare. Momento commemorativo e sit in di protesta.

Ore: 10.00 - Ex Casa Badalamenti Accoglienza scuole Niscemi e attivisti No Muos e Forum sulle lotte territoriali

Ore: 17.00 Corteo dalla sede storica di Radio Aut di Terrasini a Casa memoria Felicia e Peppino Impastato –

A Chiusura interventi di Giovanni Impastato e Salvo Vitale.

Ore: 20.00 P.zza Vittorio Emanuele Orlando - Premio IV° edizione di Musica e Cultura. Concerto di Daniele Sepe & the rote jazz fraction; esibizione di Francesco Impastato, vincitori del premio “Musica e Cultura”. E con: DJ Abnormal, Le Anomalie e Vincenzo Salomone. Assegnazione del I premio fotografico “Peppino Impastato”.

10 maggio

Ore: 16.00 - Ex Casa Badalamenti Forum sui beni confiscati alle mafie - Lettura documento finale presso Casa Badalamenti – C.so Umberto, 183 –

Ore: 21.00 - Ex Casa Badalamenti Proiezione del video di Paolo Chirco “Fiori di campo” sull’esperienza del collettivo Femminista di Cinisi (1977-78) presso Casa Badalamenti  C.so Umberto, 183 

11 maggio

Ore: 11.00 - Ex Casa Badalamenti Tavola rotonda. Ipotesi per la costruzione di una Rete di Solidarietà Democratica Territoriale tra la Valle dello Jato e il Golfo di Castellammare. Con la partecipazione di amministratori e operatori culturali impegnati quotidianamente a contrastare malapolitica, malaffare, corruzione e mafia.

Ore:17.30 - Ex Casa Badalamenti Presentazione del libro, in presenza dell'autore, I MINISTRI DAL CIELO, di Lorenzo Barbera (sociologo) e con Alessandro La Grassa (presidente del CRESM), a cura di Belìce/EpiCentro della Memoria Viva - Marcia per la Pace della Sicilia Occidentale '67 e Peppino Impastato.

Ore:20.30 - Sala Civica Comunale - P.zza Vittorio Emanuele Orlando Presentazione concorso e terza edizione “Visioni notturne Sostenibili” e proiezione di documentari (precedenti edizioni):

“Zavorra” di Vincenzo Mineo, 2011, (50')

“Radiografia della miseria” di Pietro Nelli, 1967 (16')

“Dallo zolfo al carbone” di Luca Vullo, 2008, (53')

a cura di Giuseppe Maiorana, direttore di Belìce/EpiCentro della Memoria Viva.

Durante la serata sarà proiettato il documentario “Voci di popolo” a cura dei volontari e volontarie di Casa Memoria in collaborazione con la Consulta Giovanile di Cinisi.

Mostre

Video installazione "Carmelo Iannì: un uomo al servizio dello stato" presso l'ex Casa Badalamenti

Mostra “Luogo della memoria: U mulinazzu”.I luoghi della lotta di Peppino Impastato: una riproduzione fedele del “mulinazzu”, avamposto dell’economia rurale e della socialità dei cinisensi andato distrutto per la realizzazione della terza pista dell’aeroporto di Punta Raisi.Presso l'ex Casolare Badalamenti, vicino al Campo Sportivo, bene confiscato alla mafia.

Nota: sono possibili modifiche, in corso d’opera.Quasi tutte le iniziative si svolgeranno in Corso Umberto 183 , dove sarà anche installato un media-center. Per ospitalità (campeggio e camere): Residence “Ciuri di campo” – bene confiscato alla mafia gestito dalla cooperativa Libera-mente- via Sandro Pertini traversa 1- Marina di Cinisi. Per info: 3392485455- 3938563107

Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato e Associazione Peppino Impastato